Shabbàt

Il giorno che dà senso a tutti gli altri

Rabbinato centrale Milano

Letteratura

La principessa Shabbath

Tratto da “Shabbath – A cura di Augusto Segre”, Ucei 1972

tiara1

Heinrich Heine

Nelle favole d’Arabia

vedi principi incantati

ritornare al loro aspetto

vero e splendido ogni tanto.

Leggi tutto ›

Shabbàth in Portogallo

Isaac Bashevis Singer

Portugal

Si alzò e uscì dalla stanza. Dopo un attimo tornò con uno stipetto in miniatura, fatto di legno scuro, un oggetto di antiquariato con due sportelli in rilievo. Lo aprì e ne estrasse un libro con la copertina di legno, che posò davanti a me. Era un manoscritto ebraico scritto nei caratteri Rashì.

Leggi tutto ›

L’anima sabatica

Aldo Sonnino z”l

Tramonto

Nel tardo pomeriggio di ogni Venerdì, sembra quasi che il sole abbia fretta di tramontare affinché sollecito sia lo ingresso del Sabato nel mondo.

La Maestà’ del Sabato entra nel mondo, penetrando nell’esistenza di ogni ebreo che l’attende con un misto di ansia e di gioia. Qualcosa di miracoloso avviene in quel momento. In quel preciso momento, una doppia anima, l’anima sabatica si inserisce accanto all’anima quotidiana. Ambedue soggiornano insieme per ventiquattro ore e poi quando al tramonto del Sabato le prime tre stelle appaiono nel cielo, l’anima sabatica abbandona l’uomo al suo destino del quotidiano. E’ un momento magico che provoca turbamento nell’uomo che viene a ritrovarsi solo con sé stesso.

Leggi tutto ›